Navigation – Plan du site
Réécritures génériques

Montalbano come Maigret riscritto. Osservazioni sulle fonti di Camilleri

Srecko Jurisic
p. 19-35

Résumés

L’intertextualité entre le personnage du commissaire parisien de Georges Simenon et celui du commissaire Montalbano de Camilleri est chose établie. L’intérêt de l’écrivain d’Empédocle pour le très riche et volumineux opus du “graphomane” belge remonte aux années où Camilleri, employé de la RAI, était chargé avec Diego Fabbri de l’adaptation des romans de Simenon pour le petit écran, ce qui le forgea au métier de scénariste. Camilleri a toujours reconnu ouvertement sa dette envers Simenon tout comme sa prédilection pour la variante européenne du polar. Cette étude examine le lien intertextuel très complexe qui relie les deux cycles de romans, ainsi que le jeu de réfraction quasi pirandellien qui se crée entre le système narratif montalbanien et la version télévisée avec Gino Cervi dont Salvo Montalbano semble une réécriture à peine dissimulée.

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XXe-XXIe
Haut de page

Texte intégral

  • 1   Carlo Fruttero, intervistato da Nello Ajello in « Carlo Fruttero : “Simenon era il Balzac del No (...)

Sì, Camilleri ha un po’ il talento di Simenon. Riesce a fare romanzi brevi. Tanti, e tutti con una trama sostenibile. La sua lingua è ben inventata. La sua Sicilia è bella. I casi sono ben trovati. Quel suo poliziotto è un protagonista centrato : fra l’altro, condivide disinvoltamente con dei personaggi più che collaudati – Maigret, appunto, o Nero Wolfe – la passione per la buona cucina. Insomma, trovo che Camilleri sia uno scrittore più che degno. Anche la serie televisiva mi diverte. È stata, in un certo senso, una rivelazione. Dev’esserlo stata per lo stesso Camilleri.
Carlo Fruttero1

  • 2   Ce ne siamo occupati in altra sede ; ci si conceda pertanto il rinvio al nostro articolo « Gli “ (...)

11. Andrea Camilleri è un autore finisecolare, anche se cronologicamente è saldamente aggrappato alla tradizione letteraria novecentesca. Egli è, nel contempo, prossimo alle tensioni della modernità al punto da essere a più riprese menzionato nel memorandum di Wu Ming su New Italian Epic2.

2Il nodo critico che riguarda il rapporto tra Camilleri e Maigret è oltremodo complesso. La critica lo evidenzia ormai da tempo senza mai entrare troppo in profondità. La segnala con acume Corrado Augias :

  • 3   Corrado Augias, « Come è nato Maigret commissario vicino di casa », in la Repubblica, 22 gennaio (...)

Se ci si pensa solo un momento si vede subito che non certo per calcolo ma solo per istinto, la fortuna del commissario Montalbano creato da Camilleri si basa su una struttura equivalente, con in più la variante del dialetto che aggiunge alle vicende narrate un ulteriore e rassicurante connotato casalingo. Maigret è un grosso, solido borghese, che combatte la delinquenza e scopre gli autori dei delitti né per amore dell’avventura né per sfida intellettuale. Agisce come agisce solo perché si trascina fin dall’infanzia “una specie di senso del dovere” e anche perché cova “il timore di non aver mai fatto abbastanza per guadagnarsi il pane”. […] Ciò che in fondo interessa Maigret è capire i criminali con cui ha a che fare. La consegna del colpevole alla giustizia è così secondaria che alle volte viene sottintesa, alle volte addirittura omessa. In compenso Simenon ci informa fino al dettaglio sulla sua vita intima e privata come appunto sarà per gli investigatori anch’essi mediterranei scaturiti da Camilleri e da Montalbán.3

  • 4   « Funzionari di polizia simpatici, originali, lontani dallo schema del piedipiatti senza fantasi (...)

3Il concetto viene ribadito, tra gli altri, anche da Piero Dorfles4 e da Giovanni Capecchi che però cerca in qualche modo di affrancare il commissario di Camilleri dall’ingombrante paragone con Maigret :

  • 5   Giovanni Capecchi, Andrea Camilleri, Fiesole, Cadmo, 2000, p. 26.

Se Simenon svolge un ruolo fondamentale per entrare in contatto con il meccanismo del “giallo”, è anche vero che questo punto di riferimento rimane sullo sfondo quando si tratta di delineare il carattere di Montalbano che cresce, inchiesta dopo inchiesta, contrapponendosi alla sostanziale immobilità di Maigret.5

4Capecchi evita l’esiziale questione delle “motivazioni maigretiane” che muovono Camilleri. Preferisce sottolineare le differenze tra i due investigatori per enfatizzare in qualche modo “l’indipendenza” di Camilleri rispetto al modello di Simenon e la sua superiorità rispetto alla staticità e alla prevedibilità del commissario Maigret. Un simile atteggiamento è probabilmente dovuto al fatto che tra la fine della produzione della RAI (1972) e la pubblicazione del primo romanzo del ciclo di Montalbano (1994) passano più di vent’anni in cui il modello di Simenon, pressoché del tutto apolitico, in Italia viene sostituito dallo ampiamente affermato modello sciasciano con la sua denunzia della mafia e della corruzione politica del “contesto”. Quasi subito Sciascia venne indicato dai critici come uno dei maestri di Camilleri e quest’ultimo lo confermò definendo Sciascia il suo “elettrauto” perché quando « [ha] le batterie scariche si legge un suo libro ». Il raffronto tra Camilleri e Sciascia indubbiamente regge quando si tratta di esaminare i cosiddetti “romanzi storici e civili” in cui l’atteggiamento narrativo richiama a mente Sciascia, ma non regge se si tenta il ricorso alla griglia poetica dello scrittore di Racalmuto nella disamina del ciclo di Montalbano. Quando si parla del commissario Montalbano, si deve per forza di cose parlare del commissario Maigret.

  • 6   – « Ma, lasciando da parte facili associazioni, quando è che ha incontrato la scrittura di Simen (...)

52. Più che nella diretta intertestualità (di cui pure qualche traccia si potrebbe rinvenire) la relazione Montalbano / Maigret deve la propria complessità alla stima che aveva Camilleri dell’opera dello scrittore belga tout court, dei suoi procedimenti di scrittura, della sua poetica e del suo stile. A complicare ulteriormente le cose, come nella migliore tradizione delle trame gialle, c’è la longevità del rapporto che affonda addirittura nell’infanzia dello scrittore siciliano ed è legata alle primissime « letture fecondanti »6 e che continua ancora oggi con Camilleri che rilegge Simenon nelle nuove traduzioni in uscita presso l’Adelphi :

  • 7   Lisa Ginzburg, op. cit.

Oggi vado in libreria a cercare se Adelphi ha pubblicato l’ultimo Maigret. Nel ’95 per cento dei casi, fino a questo momento sono romanzi che conosco già, ma attenzione : in una traduzione nuova, diversa, più attenta. Perché a leggerlo nell’originale, il Maigret di Simenon, ti accorgi che c’è qualche cosa che non funziona nel senso dell’ovvietà della scrittura. Queste nuove traduzioni sono più attente a quella che è la lingua originaria di Simenon.7

6La natura del rapporto Camilleri / Simenon è quella di un fiume carsico che dalla superficie scompare per lunghi tratti per poi riaffiorare sgorgando in modo inatteso. Del resto, non potrebbe essere altrimenti poiché la stessa carriera da scrittore di Camilleri è fatta di attese, ritardi e pause più o meno lunghe con intermezzi importantissimi. È proprio in uno di questi, quello da regista e produttore televisivo, che la passione per Simenon e la sua vastissima opera riprende forza in Camilleri. Ci si conceda una lunga citazione da un brano di Camilleri :

  • 8   Andrea Camilleri, « Scrivere, sceneggiare. Testimonianza per Fabbri », testo dell’intervento fil (...)

Ma questa collaborazione televisiva era cominciata con Maigret, col Simenon. Devo dire che l’idea nacque all’interno di un discorso fra noi due [Diego Fabbri e Camilleri] a proposito di Simenon. « Che ne diresti se proponessimo alla televisione una serie ? ». E naturalmente a me la cosa interessò enormemente e devo dire che interessò immediatamente tutti i dirigenti della televisione. Fabbri lavorava con Romildo Craveri, però in realtà era lui che principalmente sceneggiava e aveva questo sistema straordinario, comprava la cosa numero uno che dovevamo, che lui doveva sceneggiare. Comprava il volume economico, tre o quattro copie, e le staccava, le faceva pagina a pagina e poi faceva dei mucchietti, seguiva logicamente l’episodio all’interno e l’assemblava e ne faceva tanti mucchietti, questo episodio A, episodio B, C e D ... poi come in un gioco di carte, e non sto scherzando, cominciava a spostarle ragionandoci sopra e poi scriveva dei foglietti che erano connettivi fra l’uno e l’altro di questi e io vedevo destrutturare letteralmente un racconto poliziesco e rimontarlo. Io accanto a lui ero come nella bottega dell’orologiaio e vedevo un orologiaio bravissimo smontare un orologio e ricostruirlo con gli stessi elementi ma dandogli un’altra forma, da rotondo facendolo diventare quadrato. Ecco : questa è stata la lezione più grossa per me, una lezione di sceneggiatura. Le sceneggiature che io ho fatto in seguito obbediscono a certe logiche di sceneggiatura insegnatemi non volontariamente, perché non c’era scuola, – dirò meglio : rubate da me a Diego Fabbri – e l’altra lezione è il meccanismo del giallo. Perché veramente lì ho imparato l’arte e l’ho messa da parte, e l’ho tirata fuori nel momento nel quale è venuto Montalbano, lì ho imparato proprio praticamente che cos’è un giallo « all’europea », come lo si può strutturare, destrutturare, rifare, riscrivere. Questo è il grande debito, oltre che di momentanea sopravvivenza quando ero senza lavoro, ma è il mio debito culturale, che può anche essere una responsabilità, diciamo, che Diego ha…. Ma, insomma, io gliela devo tutta e lo riconosco con assoluta tranquillità.8

7Si tratta di una citazione piuttosto eloquente, quasi una dichiarazione di poetica da parte di Camilleri che vedrebbe Simenon e Maigret come padri putativi della diade Camilleri / Montalbano. Il modus scribendi di Camilleri giallista dovrebbe molto al Maigret televisivo e, di conseguenza, alla prosa di Simenon. Dice a questo proposito ancora Camilleri :

  • 9   Lisa Ginzburg, op. cit.

Questa cosa che io ammiro più che altro : la semplicità apparente del racconto, il senza sforzo, il senza intoppo col quale il racconto fluisce. Questa è una cosa che mi è sempre piaciuta negli scrittori che prediligo. Ciò che io chiamo la trapezista. La trapezista nel circo equestre esegue con un’eleganza che ci affascina, una leggerezza, con un triplo salto mortale si agguanta all’altro trapezio, e nulla ci lascia vedere dell’esercizio quotidiano, del sudore, della paura, della tensione, della fatica fisica, di tutto ciò che precede l’esercizio. Ecco, amo gli scrittori che ci consegnano il momento del triplo salto mortale della ballerina che continua a sorridere ; e non ci lasciano vedere la fatica, le sudate carte. Nel caso di Simenon, e io direi anche nel suo caso, questo sforzo invisibile è anche la capacità di immettere subito il lettore in un ambiente, e non farlo uscire più fino a quando il libro è finito. È proprio un ambiente fisico... In Simenon è un esercizio che gli riesce, maledetto lui, con una facilità estrema. In me non so, non vorrei fare paragoni. Ma a lui riesce sempre. Entri dentro il suo ambiente, quale che esso sia. D’altra parte, credo che sia l’unico scrittore di romanzi gialli, in cui il commissario (Maigret) può mettersi dalla parte del morto. Le indagini di Maigret spesso nascono perché il commissario riesce a mettersi dalla parte del morto, a vedere le cose come le aveva viste il morto. Ed è lo sguardo di Simenon nei riguardi della provincia, ed è lo sguardo che ti comunica, che ti contagia. È straordinario : non te ne dà l’idea, però organizza il tuo sguardo, così come lo sguardo viene organizzato da un disegno, da un quadro.9

  • 10   « Ho questo grosso debito verso Simenon. Quando ho cominciato a scrivere i miei gialli, il probl (...)

8Il debito di Camilleri con Simenon aumenta ad ogni citazione che qui riportiamo. Lo stesso Camilleri ne è consapevole al punto che nella genesi di Montalbano dovrà sforzarsi di diversificare il proprio personaggio da quello di Simenon che gli era ormai entrato sotto pelle10. Sarà uno sforzo “vano” perché del commissario parigino di Simenon e della stessa prosa simenoniana rimarranno ampie tracce in Camilleri. L’amore quasi incondizionato per Simenon prima che per Maigret farà sì che permanga in Camilleri giallista (ma anche in romanzi d’attualità quali La rizzagliata, L’intermittenza, Il sabato sera con gli amici, Il tailleur grigio, ecc.) un riflesso della prosa asciutta e politissima di Georges Sim, dalla calma olimpica e dall’equilibrio strutturale quasi classico. Nei romanzi cosiddetti “storici e civili” (per dirla con la terminologia della bipartizione dei « Meridiani » mondadoriani) come anche nella trilogia delle metamorfosi ci sembra invece di percepire una lingua più succulenta (la prosa maestosa di Il re di Girgenti ne è un esempio) e una struttura sovente strabica con focus che si sposta inaspettatamente spiazzando talvolta il lettore : basti qui l’esempio di Il casellante e della sua “falsa partenza”, ma se ne potrebbero annoverare parecchi altri come la struttura sbieca di Privo di titolo, ad esempio, o in parte anche quella del recentissimo La setta degli angeli che costringe il lettore allo strabismo interpretativo.

9Oltre al “tono” della prosa, Camilleri mutuerà molto altro da Simenon. Al di là della focalizzazione che è tutta sul commissario ed è alla terza persona singolare, come in Maigret, della placida staticità di certe scene, vi è, ad esempio, l’interesse per i faits divers della provincia : le sue grettezze in odor di grottesco che Camilleri racconta sanno anche di Simenon :

  • 11 Lisa Ginzburg, op. cit.

Anche perché trovavo una straordinaria affinità tra la provincia nella quale mi trovavo a vivere, e la provincia che raccontava Simenon. Erano il più delle volte province del nord della Francia, eppure certi modi di pensare, certe chiusure mentali, beh erano identici. In genere, la provincia del mondo credo sia uguale, abbia straordinarie cose in comune. Certe avarizie...11

  • 12 La terminologia di cui ci avvaliamo in questa sede riprende quella di Alan H. Pasco che scrive su (...)

10Simili elementi fanno pensare che il rapporto tra Camilleri e Simenon e i loro personaggi più non poggi tanto sull’intertestualità diretta (mediante citazioni o calchi) quanto sull’intertestualità allusiva12. Il mondo maigretiano viene (in)volontariamente trapiantato in Sicilia con il boulevard Richard Lenoir che diventa la « villetta di Marinella » e il Quai des Orfèvres che diviene il « commissariato di Vigàta ». Quest’ultimo microcosmo richiama in diversi punti quello creato dallo scrittore belga, nelle gerarchie e nelle dinamiche interne. Uno dei presupposti dei romanzi gialli seriali è la fissità dei personaggi : infatti ai vari Augello, Fazio, Gallo e Galluzzo corrisponderebbero i Janvier, Lapointe, Torrance e Lucas (mancherebbe un equivalente di Catarella). Le dinamiche del gruppo nei due autori sono similari e così anche il livello d’interazione tra gli investigatori e il loro superiore : in entrambi i casi è presente la totale devozione al loro capo / chef prima che alle istituzioni di cui questi è l’emanazione. Come conseguenza sono presenti in entrambi gli autori anche le tensioni interne al gruppo e gli episodi di camaraderie. La metaforica allusività al suo predecessore, uomo tutto d’un pezzo, francese, permette a Montalbano di essere credibile come defensor dei valori in via d’estinzione che come un pachiderma si muove con difficoltà nella kafkiana burocrazia italiana e che fa fatica a lavorare by the book. I romanzi di Maigret e quelli di Montalbano sono raramente dei police procedurals.

11Montalbano viola le regole praticamente in ognuna delle sue avventure ; Maigret, in Il cane giallo, dichiara apertamente di non essere adatto per essere preso come role model :

  • 13   Georges Simenon, Il cane giallo, Milano, Adelphi, 2004, p. 106.

– Non capisco ancora del tutto i suoi metodi, commissario, ma forse comincio ad indovinare… Maigret lo guardò con i suoi occhi ridenti lanciando nel sole un grande sbuffo di fumo.
– Lei è fortunato, ragazzo mio ! Soprattutto in questo caso, nel quale il mio metodo è stato proprio quello di non averne… Vuole un consiglio ? Se ci tiene a una promozione, non mi prenda come esempio e non cerchi di ricavare teorie da quello che mi vede fare…
– Eppure… noto che adesso anche lei arriva agli indizi materiali dopo che…
– Appunto, dopo ! Dopo tutto ! In altre parole, ho preso tutta questa inchiesta a rovescio, il che non m’impedirà magari di prendere la prossima dal diritto… Una questione di atmosfera… di facce… Arrivando qui, mi sono trovato davanti una faccia che non mi è piaciuta e non l’ho più mollata…
13

  • 14   Per quel che concerne Camilleri, ce ne siamo occupati estesamente in Srecko Jurisic, « La dimens (...)

12Un altro aspetto nella conduzione delle indagini riguarda il ricorso al “teatro”. Sia per quanto riguarda l’impiego delle metafore e degli accostamenti teatrali (o cinematografici) da parte dei due autori, sia per quanto riguarda l’uso della recita da parte di Montalbano e di Maigret nello scoprire il colpevole14. Per Camilleri, uomo di teatro di lungo corso, è quasi logico, è quasi un tic, una deformazione professionale, ma simili procedimenti li troviamo, e con incidenza rilevante, anche nei romanzi dello scrittore belga. Nel Cane giallo leggiamo ad esempio :

  • 15   Georges Simenon, Il cane giallo, Milano, Adelphi, 2004, p. 68.

– Suppongo, commissario, che lei abbia recitato questa commedia soltanto per evitare un nuovo dramma, mettendomi così al riparo da… dai colpi di...15

e ancora, una sessantina di pagine appresso :

  • 16   Ibidem, p. 132.

– C’è poi un altro mandato d’arresto contro la signora Michoux, per aggressione notturna… Quanto a Jean Goyard, detto Servières, credo che possa essere perseguito unicamente per oltraggio alla magistratura, per via della commedia che ha recitato.
Fu l’unico momento di felicità !
16

  • 17   Andrea Camilleri, Il ladro di merendine, in Storie di Montalbano, a cura di Mauro Novelli, Milan (...)

13Simile è il rapporto dei due investigatori con i mezzi tecnologici. Nell’ecranisation della RAI, l’episodio Maigret e l’ispettore sfortunato ne è un ottimo esempio (nota 21). Nella scena d’apertura si vede la tecnologia allora all’avanguardia nel campo delle telecomunicazioni e Maigret in palese difficoltà quando si tratta di usare dei simili aggeggi : si trova davanti al suo doppio riflesso nel grosso tabellone luminoso che raffigura la mappa di Parigi e si mette a fumare la pipa bofonchiando che ci vuole « un tirocinio di un anno per imparare la geografia criminale di Parigi ». Montalbano, per incombenze legate all’informatica (o simili interventi hi-tech) si serve di Catarella che nella sua particolare forma di autismo sembra essere specialmente dotato per l’alta tecnologia. Nel Ladro di merendine, quando Montalbano si fa dare una videocamera per riprendere l’uomo dei Servizi, Lohengrin Pera, preme il pulsante sbagliato e la scena in questione non viene ripresa17. Simili episodi abbondano nella serie e sono svariate le volte in cui si ricorre alla sapienza digitale di Catarella. Le conoscenze di Maigret in fatto di tecnologia sono persino peggio. Ad esempio, in Maigret e l’omicida di rue Popincourt troviamo diversi esempi di questo stato di cose. La giovane vittima lascia come fonte preziosa di informazioni una serie di registrazioni audio che potrebbero fare luce sulle dinamiche del delitto, ma Maigret preferisce affidarsi a un collega più esperto ; una delle ragioni è la scarsa predisposizione del commissario alla tecnologia. Nello stesso romanzo lo vediamo alle prese con una conversazione via radio che per lui è surreale e gli sembra di giocare alla guerra :

  • 18   Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, Milano, Adelphi, p. 73.

– Pronto… 215 ?... chiamò Maigret. Grosjean, è lei ? Mi sente ?... Pronto… 215 ?...
– 215 in ascolto…
– Ci dirigiamo lentamente verso la Bastille… Branchu è a piedi…
– Chiude ?
– Chiudo…
Maigret scrollò le spalle.
– Mi tocca anche giocare alla guerra !...
18

  • 19   « Anche se da un anno avevano la macchina, che il commissario non aveva mai guidato, la signora (...)
  • 20   « Però non metterti in testa di fare come ti pare, come tuo zio ! » e ancora : « Quel Maigret, t (...)
  • 21 Osservazioni similari sono piuttosto frequenti in Maigret : « “Quando andrò in pensione…” A volte (...)
  • 22 Andrea Camilleri, La gita a Tindari, in Storie di Montalbano, cit. p. 1051.
  • 23 – « Livia, ormai c’è poco da dire. In questi ultimi mesi ne abbiamo parlato e riparlato. Stavolta (...)

14Lo stesso dicasi anche per l’uso della macchina che i coniugi Maigret possiedono ma che usano di rado19. Montalbano la sua macchina la usa spesso ma la trascura e non di rado la vettura gli dà dei problemi. Ambedue gli investigatori hanno o uno scarso bisogno o un feeling inesistente con i loro colleghi della Scientifica (sono memorabili i dialoghi tra Montalbano e Pasquano o Jacomuzzi) e sembrano sempre restare indietro rispetto ai tempi. Ancora una volta nell’adattamento RAI, nell’episodio Maigret in pensione sentiamo pronunciare un giudizio eloquente (rivolto al nipote di Maigret dal nuovo commissaire che disapprova il fumo di pipa in ufficio e persino i metodi un po’ obsoleti di Maigret20). Montalbano, nei primi romanzi, ha a che fare con un questore bonario e comprensivo del suo modus operandi. Successivamente, gli subentra Bonetti-Alderighi che non vedrà mai di buon occhio l’operato di Montalbano considerandolo pericolosamente indipendente e inadatto – quasi fosse un “dinosauro” – all’apparato burocratico in continua evoluzione. L’invecchiamento accompagna ambedue gli investigatori con continue lamentele geriatriche21 ed osservazioni sulla pensione con Montalbano che si fa anche psicologicamente più complesso e ombroso con l’avanzare della serie. Già in La Gita a Tindari lo sentiamo dire che è « troppo vecchio per questo mestiere »22 mentre addirittura sfiora le dimissioni nel Giro di boa, a causa dell’indignazione per l’operato dei suoi colleghi legato al G8 di Genova23. Sia Maigret che Montalbano sono, in breve, dei misfits, dei disadattati che vivono con difficoltà i propri tempi in riferimento al ruolo che occupano nella società.

15Con l’anzianità di servizio e con il passare degli anni arriva anche la fama. Maigret con il passare degli anni diviene sempre più conosciuto e riconosciuto per strada :

  • 24   Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, cit., p. 65.

– Sbaglio o ci siamo già visti ? chiese il tassista.
– Niente di più facile…
– Strano, ma non riesco a ricordare il suo nome… So che lei è famoso… Attore ?
– No…
– Mai fatto cinema ?...
– No…
– Forse l’ho vista in televisione ?...
Per fortuna erano arrivati in rue Fontaine.24

  • 25 Georges Simenon, Il cane giallo, cit., pp. 101-102.

16A Montalbano accadono grosso modo cose simili e viene persino confuso con il suo omologo televisivo interpretato da Luca Zingaretti. Rassomiglianze di questo tipo potrebbero proseguire se si va a toccare la sfera enogastronomica. Sia Maigret che Montalbano sono notoriamente delle buone forchette. Maigret, quando non ricorre all’abituale Brasserie Dauphine, si rifugia nel ricettario della signora Maigret mentre Salvo Montalbano va a mangiare da Enzo e, in alternativa, assaggia i manicaretti che gli prepara la “cammarera” Adelina. Certe volte persino le abitudini postprandiali del commissario di Vigàta sembrano dover qualcosa al predecessore d’oltralpe. In una delle avventure maigretiane più note, Il cane giallo (a cui deve forse qualcosa Il cane di terracotta, almeno come titolo), ci imbattiamo in Maigret che dice « Ma io adoro camminare, soprattutto quando devo riflettere » e poi aggiunge : « Non passò per la città, ma costeggiò il porto »25. Insomma, è difficile non farsi venire in mente la canonica passeggiata sul molo che Montalbano fa a compimento del rituale del pranzo.

  • 26 « Rimase incerto tra l’ultimo libro di Tabucchi e un romanzo di Simenon, vecchio, ma che non avev (...)
  • 27 Ibidem, p. 1222.
  • 28   « “No, sono il gemello del commissario Maigret” arrispunnì sgarbato. L’altro parse sdilluso. “No (...)
  • 29   Paradossalmente, nei paesi anglosassoni Montalbano viene visto proprio come commistione tra Colo (...)

17Il primo riferimento “concreto” a Simenon nella serie montalbaniana risale al sesto romanzo, L’odore della notte, in cui Montalbano è dapprima indeciso, per le sue letture serali, tra un libro di Tabucchi e un vecchio romanzo di Simenon che non aveva letto26. Sceglierà proprio Simenon anche se le sue letture verranno continuamente interrotte al punto da fargli leggere « tre pagine scarse »27. Per il primo riferimento diretto al commissario Maigret bisogna attendere il dodicesimo “episodio” della serie La pista di sabbia, in cui Salvo Montalbano viene paragonato allo sgualcito tenente Colombo. All’inizio confonde il detective americano con un tenente dei Carabinieri di Fiacca e tutto sommato non prende benissimo l’accostamento. Dice, infatti, di essere il gemello di Maigret28 inserendosi nella scuola europea del giallo (che Camilleri ha studiato lavorando proprio sul Maigret televisivo) e prendendo, per certi versi, le distanze dalla scuola americana (per quanto la serie di Colombo sia decisamente soft boiled e abbastanza vicina al giallo europeo)29.

  • 30 Tra il 1964 e il 1972 furono girate quattro serie di puntate tratte dal ciclo di romanzi di Maigr (...)

183. Nel presente lavoro abbiamo spesso fatto menzione della serie televisiva alla cui realizzazione collaborò Camilleri30 e lo faremo un’ultima volta in chiusura per tentare di acclarare alcuni punti legati all’aspetto fisico di Montalbano. La fisicità importante di Gino Cervi, il Maigret televisivo, ci sembra di grande importanza a questo proposito.

  • 31   A più riprese Camilleri diede il suo placet circa l’impiego di Zingaretti nel ruolo di Montalban (...)

19Ferenc Pinter, il grande illustratore delle copertine mondadoriane (allora era la Mondadori ad avere l’esclusiva sulle avventure di Maigret) si vide commissionare dall’editore di Segrate proprio il volto del popolarissimo Cervi. Al di là del volto di Luca Zingaretti, il solo Montalbano riconosciuto nell’immaginario collettivo degli italiani31, si sa che Montalbano, quello di carta, è una “persona” completamente diversa. Sappiamo che ha il carattere del padre di Camilleri, ha i baffi e anche i capelli e la faccia perennemente imbronciata. La statua di Montalbano scoperta il 23 maggio 2009 in via Roma, a Porto Empedocle, non lontano da quella di Pirandello (altro nume letterario di Camilleri) riprende quelle stesse fattezze : baffuto, con una folta capigliatura, la fronte solcata da vistose rughe e la mano appoggiata su un lampione. È così che lo scultore Giuseppe Agnello ha immaginato il commissario Montalbano. Nel servizio dedicato all’evento pochi giorni prima dal settimanale del Tg 1, Camilleri dice di averlo ritrovato nelle fattezze di Giuseppe Marci, professore di filologia italiana all’università di Cagliari che lo aveva invitato nel 1998 a chiudere un corso sul Birraio di Preston :

  • 32   Andrea Camilleri, « Adesso vi racconto la vera faccia del mio Montalbano », in la Repubblica, 19 (...)

Io lo so com’è fatto il mio Montalbano, non perché ne abbia disegnato i tratti scrivendolo, ma perché mi è capitato d’incontrarlo in carne e ossa. Naturalmente non si chiamava Montalbano e non faceva il poliziotto. Un giorno della primavera del 1998, mi pare, mi scrisse dall’Università di Cagliari il professor Giuseppe Marci invitandomi a un incontro con gli studenti che avevano seguito un corso dedicato al mio Birraio di Preston. Gli risposi accettando. Dopo qualche giorno mi telefonò per stabilire la data dell’incontro. Concludemmo i dettagli e lui mi disse che sarebbe venuto a prendermi all’aeroporto. “Come faremo a riconoscerci ?”, gli domandai. E il professore mi rispose che avrebbe tenuto in mano una copia del Birraio. Fu così che incontrai Salvo Montalbano all’aeroporto di Cagliari con un mio romanzo sottobraccio. Era veramente impressionante la sua somiglianza col mio personaggio. Dirò di più : la vista del professore unificò in me l’immagine del commissario che fino a quel momento era ancora come un puzzle mancante di alcuni pezzi di sfondo. Qualche tempo dopo, Carlo Degli Esposti, il produttore, cominciò a pensare alla serie televisiva e mi domandò delucidazioni sull’aspetto fisico di Montalbano. E io me la cavai pregando il professor Marci di mandargli alcune sue fotografie. Ma non si trovò un attore che gli somigliasse e allora decisero di prescindere. Infatti il bravissimo Luca Zingaretti non ha nulla a che fare col Montalbano dei miei romanzi, basta pensare che il mio commissario ha capelli e baffi.32

  • 33   « Il primo ostacolo venne dalla signora Maigret. Cioè, Simenon non era d’accordo sulla scelta di (...)
  • 34   « Meglio è andata con i tre giochi interattivi editi da Sellerio e dovuti a un gruppo di disegna (...)

20Camilleri ritrova il volto di Montalbano in Marci, ma è lecito supporre che il volto di Gino Cervi (approvato anche da Simenon)33 abbia influito in maniera decisiva, nonostante Camilleri abbia pensato anche al volto di Pietro Germi nei panni di Ciccio Ingravallo, altro commissario meridionale amato da Camilleri, grande estimatore di Gadda34. Gino Cervi e la sua memorabile interpretazione di Maigret hanno influenzato non solo l’aspetto ma anche il modo di fare di Montalbano :

  • 35   M. G. Minetti, « Quando facevo Maigret », in Specchio della Stampa, 25 maggio 2003.

– Lei ha detto che, all’epoca di Maigret, non ci pensava neppure, a Montalbano. Poi però qualcosa di Maigret ce l’ha messa, nel suo commissario. Magari inconsciamente…
– No, no, anche coscientemente. Coscientemente proprio. Cercando di differenziarlo, certo, se no sarebbe stata una ripetizione.
– E Cervi ? S’è ricordato pure di Cervi ?
– Eh, devo dire… per esempio, c’è un punto, in un mio libro, che il commissario Montalbano si fa ’na mangiata terribile e poi dice alla sua donna che ha mangiato solo un panino. Ecco, quella l’ho presa para para da Gino Cervi. Ci eravamo fatti, io e lui, una mangiata di quelle proprio da star male. Dopo di che lui telefonò a sua moglie e disse che aveva mangiato un panino con Camilleri, che era una bugia infame, perché la signora si preoccupava degli eccessi mangiatori di Gino… ma c’è qualcos’altro di Gino, in Montalbano. A volte mi vengono in mente certe sue reazioni davanti ai personaggi che mi divertivano. Certe occhiate, certi movimenti… E vedo che Montalbano magari fa lo stesso, così, spontaneamente.
35

  • 36   In chiusura una nota d’approfondimento sul rapporto Camilleri / Simenon. Nel marzo 2011, come vo (...)

21La questione, com’è evidente, si fa sempre più pirandelliana, quasi con una dramatis persona che rivela nuove personalità e nuovi strati genetici ad ogni lettura. Camilleri confonde, in maniera letterariamente eccellente, le acque e dimostra per l’ennesima volta le filigrane insospettabili nella sua scrittura ; dimostra che, salvo dichiararla apertamente nelle note che chiudono i libri o nello stesso corpo dei romanzi, rifugge dall’intertestualità piana. Dà piuttosto luogo ad un’intertestualità metaforica, allusiva e indefinita. Nei casi più complessi non si arriva mai a fondo della questione e non si finisce mai enunciando il titolo dell’opera di partenza. Camilleri mette in mostra, oltre che i meccanismi del giallo, anche i meccanismi propri della sua poetica legata al polar. Offre squarci attraverso cui possiamo seguire non solo la genesi di determinati personaggi ed opere, ma anche la formazione intellettuale, mai banale, dello scrittore, dalle prime sue letture, passando per il periodo da regista che filtra proprio tutti i suoi maestri (Simenon, Sciascia, Pirandello, ecc.) fino allo status di scrittore di successo36.

Haut de page

Notes

1   Carlo Fruttero, intervistato da Nello Ajello in « Carlo Fruttero : “Simenon era il Balzac del Novecento” », in la Repubblica, 22 gennaio 2003.

2   Ce ne siamo occupati in altra sede ; ci si conceda pertanto il rinvio al nostro articolo « Gli “oggetti narrativi non identificati” di Don Nené. Spigolature sulla saggistica di Andrea Camilleri », in corso di pubblicazione sulla rivista elettronica Bollettino 900.

3   Corrado Augias, « Come è nato Maigret commissario vicino di casa », in la Repubblica, 22 gennaio 2003.

4   « Funzionari di polizia simpatici, originali, lontani dallo schema del piedipiatti senza fantasia né personalità ce n’è parecchi nella storia della letteratura, basta pensare all’umanissimo commissario Maigret, al suo accostarsi al clima in cui maturano i delitti vagando per bistrot e chiacchierando con i personaggi più marginali della piccola malavita » – Piero Dorfles, « Montalbano e altri poliziotti antiistituzionali », in II caso Camilleri : Letteratura e storia. Atti del convegno, Palermo, 8-9 marzo 2002, a cura di Antonino Butitta, Palermo, Sellerio, 2004, p. 54.

5   Giovanni Capecchi, Andrea Camilleri, Fiesole, Cadmo, 2000, p. 26.

6   – « Ma, lasciando da parte facili associazioni, quando è che ha incontrato la scrittura di Simenon ? » – « Avevo sette anni, e avevo esaurito i libri che c’erano in casa (ce n’erano parecchi, mio padre leggeva moltissimo, e alla mia domanda su quali libri potevo leggere dava la risposta che uso sempre anche io : “tutti”). Scoprii per caso che nel cosiddetto tetto morto (il solaio), c’erano dei sacchi di iuta con dentro libri non rilegati, fascicoli... Un giorno presi la chiave, andai su, aprii uno di questi sacchi. C’erano dei fascicoli meravigliosi di Nick Carter, pubblicati mi pare da Nerbini, e più in basso dei libri dalla copertina per niente spessa, della economica Sonzogno. Il primo che mi capitò tra le mani era La follia di Allmayer di Conrad, e subito dopo un romanzo di un tale Georges Sim. Devo dire che Georges Sim mi interessò moltissimo, anche se mi piacque di più quel signore che si chiamava Conrad. Però dopo un po’, in quello stesso sacco di iuta trovai altri libri, questa volta firmati Georges Simenon, e cominciai a leggerli. Quindi l’ipotesi di George Steiner, cioè che non siamo noi a leggere un libro, ma il libro legge noi e quindi in realtà ti sceglie, credo che abbia una qualche validità. Io sono stato chiamato nel solaio per andare a trovare questi libri ». – « In seguito, lei ha amato soprattutto Maigret, o il Simenon romanziere ? » – « Ho amato soprattutto il Simenon romanziere. Era quello che a me interessava ; Maigret è venuto molto tempo dopo, e devo dire che, nella mia personale valutazione, Maigret era subalterno rispetto ai grandi romanzi che andavo leggendo di Simenon. » [...] – « Per lei l’amore per il Simenon giallista è arrivato più tardi ? » – « È arrivato dopo. Quando il romanzo giallo conobbe una certa diffusione in Italia, cominciò a essere comprato un po’ da tutti, anche da mio padre. Mio padre comprava i gialli nella economica Mondadori, ma sin da subito Simenon venne pubblicato in una collana a parte, come se avesse una statura diversa (e in realtà l’aveva). Il momento nel quale cominciai a leggere Maigret lo presi di petto, un po’ come faccio oggi. » – in Lisa Ginzburg, « Amo Simenon più di Maigret », Il Messaggero, 30 novembre 2003.

7   Lisa Ginzburg, op. cit.

8   Andrea Camilleri, « Scrivere, sceneggiare. Testimonianza per Fabbri », testo dell’intervento filmato al convegno Diego Fabbri e il teatro delle idee. Uno sguardo sul Novecento e una domanda per il futuro, Forlì, 29 ottobre 2003, pubblicato su La Stampa, 29 ottobre 2003.

9   Lisa Ginzburg, op. cit.

10   « Ho questo grosso debito verso Simenon. Quando ho cominciato a scrivere i miei gialli, il problema è stato quello di differenziare Montalbano da Maigret. In parte credo di esserci riuscito, soprattutto nel modo di condurre l’indagine. Maigret si affida alle atmosfere, alle sensazioni, cerca di mettersi dalla parte del morto quasi identificandosi con lui e così capire le motivazioni del delitto. Montalbano cerca invece di ragionare, di scansare la ricreazione dell’atmosfera. Dubita delle sensazioni. Ho inoltre fatto ricorso a un piccolo escamotage per accentuare la differenza tra i due (lo confesso per la prima volta). Maigret è felicemente maritato e sua moglie (quando lui non va a mangiare alla Brasserie Dauphine) gli prepara squisiti piatti. Anche a Montalbano piace mangiare : se maritato con una femmina che non sapeva cucinare, avrebbe domandato il divorzio dopo qualche mese, se invece Livia avesse saputo stare in cucina, avrei fatto un doppione della coppia Maigret. Allora ho scisso la signora Maigret in due : la “cammarera” Adelina che gli prepara i piatti che piacciono a lui e la fidanzata Livia la quale, come vedete per ragioni del tutto letterarie, da troppo tempo aspetta che Montalbano la sposi. » – Andrea Camilleri, Il mio debito con Simenon, in Racconti quotidiani, a cura di Giovanni Capecchi, Milano, Mondadori, 2007, p. 62 [Il medesimo volume era in precedenza stato pubblicato presso la Libreria dell’Orso, Pistoia, 2001]. Nonostante gli sforzi di Camilleri di rendere diverso il suo personaggio mediante la compagna di vita, Livia, è proprio in questo dettaglio che si annida un’altra somiglianza tra i due personaggi. I coniugi Maigret rimpiangono di non aver avuto figli e si rendono protagonisti di diverse “adozioni” temporanee nel corso della serie ; Salvo e Livia vivono un’adozione mancata ne Il ladro di merendine col piccolo François che poi verrà affidato alla famiglia di Augello. Una piccola curiosità : il personaggio di Livia si ispira a un omonimo personaggio de Il giorno della civetta di Sciascia in cui Livia Giannelli ha un’immagine stereotipata della Sicilia (« adoro la Sicilia », dice).

11 Lisa Ginzburg, op. cit.

12 La terminologia di cui ci avvaliamo in questa sede riprende quella di Alan H. Pasco che scrive sull’argomento : « The metaphorical relationship created when an alluding text evokes and uses another, independent text ». E anche : « The alluding author takes a pre-existent text and exploits it in his own creation. His use neither suppresses nor denies the preceding text or author, it merely takes what exists outside and makes it a “reference” or a “meaning” of his own work. » – Allan H. Pasco, Allusion : A Literary Graft, Toronto, University of Toronto Press, 1994, pp. 12 e 43. Si tratterebbe, dunque, di una sorta d’“intertestualità metaforica”.

13   Georges Simenon, Il cane giallo, Milano, Adelphi, 2004, p. 106.

14   Per quel che concerne Camilleri, ce ne siamo occupati estesamente in Srecko Jurisic, « La dimensione teatrale dei racconti di Andrea Camilleri », in corso di stampa sulla rivista Misure critiche.

15   Georges Simenon, Il cane giallo, Milano, Adelphi, 2004, p. 68.

16   Ibidem, p. 132.

17   Andrea Camilleri, Il ladro di merendine, in Storie di Montalbano, a cura di Mauro Novelli, Milano, Mondadori, p. 618.

18   Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, Milano, Adelphi, p. 73.

19   « Anche se da un anno avevano la macchina, che il commissario non aveva mai guidato, la signora Maigret preferiva usarla il meno possibile in città. La prendevano perlopiù il sabato sera o la domenica mattina, per raggiungere la loro casetta di Meung-sur-Loire » – Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, cit., p. 64.

20   « Però non metterti in testa di fare come ti pare, come tuo zio ! » e ancora : « Quel Maigret, tra l’altro, con quei suoi metodi così superati, non mi è mai andato a genio ». Verso la fine della puntata il nuovo commissario cambierà opinione sui metodi di Maigret al punto da farli propri dicendo : « Se Lei permette, io applicherei il suo metodo ».

21 Osservazioni similari sono piuttosto frequenti in Maigret : « “Quando andrò in pensione…” A volte c’era da credere che Maigret non vedesse l’ora, e che contasse i giorni che gli mancavano. Altre, invece, si intuiva che l’idea di lasciare il Quai des Orfèvres lo metteva un po’ nel panico. » – Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, cit., p. 64.

22 Andrea Camilleri, La gita a Tindari, in Storie di Montalbano, cit. p. 1051.

23 – « Livia, ormai c’è poco da dire. In questi ultimi mesi ne abbiamo parlato e riparlato. Stavolta ho preso una decisione seria. » – « Quale » – « Mi dimetto. Domani vado dal Questore e gli presento le dimissioni. Bonetti-Alderighi ne sarà felicissimo ». Livia non reagì subito, tanto che Montalbano ebbe l’impressione che fosse caduta la linea. – « Pronto, Livia. Sei lì. » – « Sono qui. Salvo, a mio parere, tu commetti un errore gravissimo ad andartene così. » – « Così come. » – « Arrabbiato e deluso. Tu vuoi lasciare la polizia perché ti senti come chi è stato tradito dalla persona nella quale aveva più fiducia e allora... » – « Livia, io non mi sento tradito. Io sono stato tradito. Non si tratta di sensazioni. Ho sempre fatto il mio mestiere con onestà. Da galantomo. Se davo la mia parola a un delinquente, la rispettavo. E perciò sono rispettato. È stata la mia forza, lo capisci. Ma ora mi siddriai, m’abbuttai. » – « Non gridare, ti prego » fece Livia con la voce che le tremava. Montalbano non la sentì. Dintra di lui c’era una rumorata stramma, come se il suo sangue fosse arrivato al punto di bollitura. Continuò. – « Manco contro il peggio delinquente ho fabbricato una prova ! Mai ! Se l’avessi fatto mi sarei messo al suo livello. Allora sì che il mio mestiere di sbirro sarebbe diventato una cosa lorda ! Ma ti rendi conto, Livia. Ad assaltare quella scuola e a fabbricare prove false non è stato qualche agente ignorante e violento, c’erano questori e vicequestori, capi della mobile e compagnia bella ! » – Andrea Camilleri, Il giro di boa, Palermo, Sellerio, 2003, p. 16.

24   Georges Simenon, Maigret e l’omicida di rue Popincourt, cit., p. 65.

25 Georges Simenon, Il cane giallo, cit., pp. 101-102.

26 « Rimase incerto tra l’ultimo libro di Tabucchi e un romanzo di Simenon, vecchio, ma che non aveva mai letto. » – Andrea Camilleri, L’odore della notte, in Storie di Montalbano, cit., p. 1139.

27 Ibidem, p. 1222.

28   « “No, sono il gemello del commissario Maigret” arrispunnì sgarbato. L’altro parse sdilluso. “Non conosco, mi dispiace.” » – Andrea Camilleri, La pista di sabbia, Palermo, Sellerio 2007, p. 89.

29   Paradossalmente, nei paesi anglosassoni Montalbano viene visto proprio come commistione tra Colombo e Maigret con un tocco di Marlow ; leggiamo sul sito del Guardian : « Both farcical and endearing, Montalbano is a cross between Columbo and Chandler’s Philip Marlowe, with the added culinary idiosyncrasies of an Italian Maigret » (www.guardian.co.uk, pagina consultata 18 agosto 2011).

30 Tra il 1964 e il 1972 furono girate quattro serie di puntate tratte dal ciclo di romanzi di Maigret per un totale di diciotto episodi. Della fondamentale importanza della serie nella formazione di Camilleri scrittore si è detto nella prima parte di questo lavoro. Sulle versioni per il piccolo schermo dei due cicli si veda Alessandra Vietino, Montalbano, Maigret & Co. Storia del giallo in televisione, Alessandria, Edizioni Falsopiano, 2010.

31   A più riprese Camilleri diede il suo placet circa l’impiego di Zingaretti nel ruolo di Montalbano :
– È soddisfatto della miniserie realizzata dalla Rai sul suo personaggio ?
– Sì, sono molto soddisfatto perché quando si adatta un romanzo o un racconto per la Tv o per il cinema bisogna avere la filosofia del meno peggio. Come il contadino che si china e c’è un ramo che gli cava un occhio, e che dice – “Che fortuna, che fortuna…” e un suo amico gli dice – “Come, che fortuna ? ! ” – “Che fortuna perché il ramo non era forcellato... ”. Sono soddisfatto anche di Zingaretti, perché malgrado mi immaginassi diversamente il mio personaggio, magari con qualche capello in più, è riuscito a convincermi che era un perfetto Montalbano”.
s.n.,
Intervista ad Andrea Camilleri,
in
http://www.flashgiovani.it/libri/approfondimenti/pagina/17/12/, pagina consultata il 20 giugno 2011).
Luca Zingaretti, da parte sua, si dichiara appassionato al personaggio : « Camilleri insegnò all’Accademia per tantissimi anni e insegnò, ovviamente anche al nostro anno. Poi dopo tanti anni, io entro in una libreria e vedo scritto Andrea Camilleri in calce a un romanzo. Prima di tutto ho controllato se era lo stesso Camilleri e poi ho comperato il libro, ma più che altro per simpatia come sempre si fa in questi casi. Se c’è un amico che ha fatto un film, se c’è una persona che ha scritto un libro ed è una persona che tu stimi, in qualche modo vuoi contribuire a quest’esperimento e quindi lo comprai. Lo lasciai sul tavolino per sei mesi, poi me lo lessi e rimasi fulminato. Dopo un paio d’anni il produttore, Carlo Degli Esposti, della Palomar, comprò questi diritti e io dissi subito al mio agente : “Guarda, io voglio assolutamente avere una chance, anche se hanno scelto un altro, biondo con gli occhi azzurri, fammi ffà ’sta cosa” ».
Luca Zingaretti in un’intervista al TG1, 21 giugno 2010, ora disponibile al seguente link :
http://www.youtube.com/watch?v=XuYIPmrGC2Ehttp://www.youtube.com/watch?v=XuYIPmrGC2E, pagina consultata il 9 luglio 2012.

32   Andrea Camilleri, « Adesso vi racconto la vera faccia del mio Montalbano », in la Repubblica, 19 aprile 2009.

33   « Il primo ostacolo venne dalla signora Maigret. Cioè, Simenon non era d’accordo sulla scelta di Andreina Pagnani : “Anche noi non avevamo pensato a lei, e non per un fatto di bravura di Andreina, ma perché l’osservazione che poi ci fece Simenon noi la sapevamo già. Vale a dire : troppo bella. E vabbè, gli dicemmo, è ormai una signora di una certa età. Eh !, disse lui, ma Maigret si è sposato giovanissimo. Voi lo vedete che si sposa una bellissima ragazza come la signora Pagnani ? Non rientra nel personaggio”. A volere Andreina era Cervi, che faceva compagnia con lei. “Quando gli esponemmo le nostre ragioni”, ricorda Camilleri, “Gino rispose con una battuta dei Sei personaggi in cerca d’autore. Rispose testualmente : “Ma si rimedia col trucco”, proprio come citazione. Era un’attrice, Andreina : nel momento che la invecchiammo molto e mandammo le foto a Simenon… vabbè, disse. Però era entusiasta di Cervi” ». La ammirazione di Simenon è confermata anche da Giulio Nascimbeni, che nel corso dell’ultima intervista rilasciata dallo scrittore belga, il 19 maggio 1985, gli chiese : « È vero che pur essendo stato interpretato da un grandissimo attore come Jean Gabin, dopo aver visto la serie delle inchieste di Maigret alla televisione italiana, con protagonista Gino Cervi, lei ha dichiarato “è lui il mio Maigret” ? Simenon rispose “lo confermo”. Questo però non è provato. In altre sedi lo scrittore si era espresso invece per l’inglese Rupert Davies, come miglior interprete non francese. In realtà non lo interessavano le riduzioni televisive delle sue inchieste di Maigret, come non lo appassionavano le produzioni cinematografiche tratte dai suoi romanzi perché quello che vedeva realizzato non lo soddisfaceva mai. L’unico di cui disse qualcosa di confermato fu Jean Gabin, commentando : “Dopo aver visto al cinema il Maigret di Gabin e di Delannoy [il regista], ogni volta che mi metto alla macchina da scrivere per una nuova inchiesta del commissario, mi viene sempre davanti la faccia di Jean... Ho paura che prima o poi mi venga a chiedere i diritti !...”. Tra Simenon e Gabin c’era un certa amicizia personale avendo l’attore interpretato una decina di film tratti dai suoi romanzi. (S.N., Simenon. Si scrive Maigret ma in Italia si pronuncia Cervi, in http://www.simenon-simenon.com/2011/05/simenon-si-scrive-maigret-ma-in-italia.html, pagina consultata il 24 settembre 2011).

34   « Meglio è andata con i tre giochi interattivi editi da Sellerio e dovuti a un gruppo di disegnatori palermitani. Essi si sono ispirati alla figura del commissario Ciccio Ingravallo di Gadda, cinematograficamente interpretato da Pietro Germi. E qui devo confessare che, quando ho cominciato a immaginare il mio Montalbano, l’immagine di Germi / Ingravallo mi è stata molto presente. Solo che il mio commissario non è così alto e ha la faccia un po’ più larga, da contadino. » – Andrea Camilleri, Adesso vi racconto la vera faccia del mio Montalbano, cit.

35   M. G. Minetti, « Quando facevo Maigret », in Specchio della Stampa, 25 maggio 2003.

36   In chiusura una nota d’approfondimento sul rapporto Camilleri / Simenon. Nel marzo 2011, come vol. 21 del Caffè letterario (dal titolo Andrea Camilleri racconta Simenon e la potenza creatrice) è uscito un cofanetto (libretto più dvd) contenente il documentario di più d’un’ora in cui Andrea Camilleri racconta e analizza Simenon e la sua opera con molto acume e dettaglio.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Srecko Jurisic, « Montalbano come Maigret riscritto. Osservazioni sulle fonti di Camilleri », Cahiers d’études romanes, 25 | 2012, 19-35.

Référence électronique

Srecko Jurisic, « Montalbano come Maigret riscritto. Osservazioni sulle fonti di Camilleri », Cahiers d’études romanes [En ligne], 25 | 2012, mis en ligne le 15 janvier 2013, consulté le 26 mars 2017. URL : http://etudesromanes.revues.org/3657 ; DOI : 10.4000/etudesromanes.3657

Haut de page

Auteur

Srecko Jurisic

Università di Spalato (Croazia)

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Cahiers d'études romanes est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Revues.org