Navigation – Plan du site
Autour de Giorgio Bassani

Paola Bassani

Dialogue avec le public
Armelle Girinon
p. 237-241

Résumés

Dans son dialogue avec le public, Paola Bassani revient sur le concept d’« ebraismo metastorico » ainsi que sur la construction de l’œuvre de son père dont elle souligne le caractère pluriel. Madame Bassani s’exprime également sur les rapports que son père entretenait avec la critique, le Gruppo ᾽63 et plusieurs intellectuels alors incontournables comme Pier Paolo Pasolini et Natalia Ginzburg

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XXe
Haut de page

Notes de la rédaction

Transcrit et mis en forme par Armelle Girinon

Texte intégral

1Potrebbe tornare sull’espressione usata da suo padre quando evoca l’« ebraismo metastorico » e precisare il suo significato?

2Questo concetto è uno dei cardini del suo pensiero. L’ebraismo metastorico rinvia a una visione degli ebrei sempre uguali a se stessi e staccati dal contesto storico in cui vivono. Corrisponde a una concezione degli ebrei come di un popolo monolitico, biblico, quasi mitico, senza rapporti e contatti esterni. Mio padre invece aveva una visione molto diversa dell’ebraismo: secondo lui, gli ebrei erano prima di tutto parte integrante della civiltà, società, nazione nella quale si trovavano a vivere. Mio padre non si considerava in quanto ebreo, bensì in quanto italiano di origine ebraica. Gli ebrei ferraresi sono completamente diversi dagli ebrei di Venezia, da quelli di Bologna, di New York o di Amsterdam, proprio perché i loro riferimenti culturali e sociali sono prima di tutto quelli della società a cui appartengono.

3Ecco perché mio padre non poteva sopportare che le sinagoghe di Conegliano Veneto fossero state trasportate in Israele. Ha lottato con Italia Nostra anche su questo fronte: diceva che le sinagoghe venete del Cinquecento avevano un senso solo in Italia, perché erano parte integrante del patrimonio culturale e artistico italiano e non di quello d’Israele. La sua letteratura rispecchia del resto questa stessa visione, tesa com’è essa a cogliere la ricchezza così varia, mobile e particolare della realtà italiana ed ebraica insieme. C’è quindi in lui un’opposizione radicale a questo tipo di ebraismo che definisce “metastorico”. La sua è una visione crociana: alla base della sua analisi del mondo ebraico c’è la fondamentale lezione storicistica di Benedetto Croce.

Suo padre dice, nel suo intervento in occasione del premio Viareggio, che Micòl è un personaggio positivo e questa dichiarazione sorprende perché quando si legge Il romanzo di Ferrara si ha spesso l’impressione di confrontarsi con personaggi non estremamente negativi ma che portano su di loro il peso della storia e che riescono con fatica a configurare un futuro: rimangono un po’ relegati nel passato. I suoi personaggi sono soprattutto come delle monadi che non riescono a comunicare fra di loro. Altre persone hanno interpretato positivamente Micòl? E qual è il Suo sentimento rispetto a questo personaggio?

4Anch’io sono assai perplessa rispetto a quello che mio padre afferma in questa intervista a proposito di Micòl, perché anch’io ritengo motivo essenziale del romanzo la difficoltà dei personaggi ad affrancarsi dal proprio passato. La sua dichiarazione dunque mi disorienta, ma non mi azzarderò qui a tentarne una interpretazione veramente critica. Mi limiterò al resoconto, alla cornice, a una spiegazione un po’ terre à terre. Mi ricordo benissimo quelle giornate: era d’estate, eravamo in vacanza a Cortina, mio padre era molto impegnato in un campionato di tennis, ma al tempo stesso seguiva, pur da lontano, gli orientamenti della giuria del premio Viareggio, presieduta da Leonida Repaci (della quale facevano parte anche Giacomo Debenedetti e Pier Paolo Pasolini) e indecisa, fino all’ultimo, tra le varie candidature (erano in ballottaggio soprattutto il nome di mio padre e quello di Alfonso Gatto). Alla fine ci giunge a Cortina la tanto sospirata telefonata con la notizia della vittoria e ci imbarchiamo tutti quanti (mio padre, mia madre, mio fratello e io) in un lunghissimo viaggio in macchina alla volta di Viareggio. Mio padre era dunque felice, anzi raggiante la sera della premiazione e credo che fu soprattutto questa vittoria ad indurlo a cogliere soprattutto in Micòl l’aspetto positivo e vitale.

5Non c’è dubbio, tuttavia, che Micòl, così come tutti i personaggi del romanzo, resti una figura dalla psicologia profondamente ambigua, carica di morte e di vita al tempo stesso. Dice di guardare al passato più che al futuro: ma il suo rifiuto di unirsi al protagonista (non sarebbe vero amore, il loro, sono troppo simili, sono come due fratelli…), esprime proprio il contrario, è una tensione verso la vita ed il futuro. La vitalità di Micòl traspare anche dal suo stile, dalla sua ironia un po’ snob e civettuola…

6Un altro punto importante che conviene rilevare, nell’intervista appena proiettata, è quanto afferma mio padre, a proposito dell’Airone, e cioè che in questo romanzo lui ha avuto “il coraggio di scrivere alla terza persona”. E sapete perché? Di solito si pensa che il coraggio sia di dire “io”. Ma lui riteneva che il coraggio era appunto quello di far combaciare il proprio “io” con quello di Edgardo Limentani, ossia il coraggio di estraniarsi, di alienarsi, di contemplare la realtà attraverso lo sguardo di uno che sta fuori dalle cose, lo sguardo insomma di un moribondo. In questo romanzo scritto alla terza persona, mio padre ha sempre affermato di essere arrivato al massimo possibile della propria soggettività, al massimo possibile di una propria disperata confessione.

Sempre parlando di frasi particolari, colpisce molto quando Pasolini dichiara che Giorgio Bassani gli aveva detto che non sapeva se continuare a scrivere “F.” o se bisognava precisare “Ferrara”. Che cosa significa?

7L’incontro tra mio padre e Pasolini è stato fondamentale sia per mio padre che per Pier Paolo: ha significato una profonda amicizia, ma anche uno scambio intellettuale di grande portata. Pier Paolo Pasolini veniva continuamente a casa nostra negli anni 1950. Mio padre l’ha introdotto nel mondo del cinema e le prime sceneggiature di Pasolini sono state realizzate in collaborazione con mio padre. D’altra parte, mentre mio padre lavorava alle Storie ferraresi, Pasolini componeva Le ceneri di Gramsci e Ragazzi di vita. I due si leggevano continuamente a vicenda e discutevano di quel che via via andavano scrivendo. È evidente che Pier Paolo Pasolini ha aiutato non poco Bassani ad uscire dalle secche dell’ermetismo, ad assumere in modo più diretto la realtà di cui parlava e, in sostanza, ad aprire quella porta che finora teneva chiusa: bisognava scrivere “Ferrara” invece che suggerire la città solo attraverso quella “F.” modesta, delicata, ma in fin dei conti astratta. Era ormai giunto il momento, al fine di risultare davvero credibile (e la credibilità, è sempre stata, per mio padre, l’ambizione suprema), di mettersi in un rapporto vero con la società, con il mondo di cui lui voleva parlare.

8“F.”, appellazione abbreviatissima di Ferrara, attraverso cui la realtà della città, dietro quel punto fermo, veniva minimizzata e al tempo stesso sublimata, era dunque retaggio del passato, era legata a quella tradizione culturale, l’ermetismo appunto, da cui mio padre proveniva. Lo sforzo da lui operato è stato dunque quello di dire le cose come stavano, di trattare la realtà oggettiva per quello che essa era veramente – una certa città, in un preciso momento storico – in una prospettiva davvero concreta e credibile. Come poteva parlare, mio padre, del fascismo a Ferrara, di una società così complessa e ambigua, piena di luci ed ombre, dove gli stessi ebrei erano cittadini per lo più consenzienti al regime, se avesse indicato Ferrara solo con una “F.”? Mio padre si è insomma trovato di fronte a un dilemma di carattere prima di tutto morale. Pier Paolo Pasolini, che stava scrivendo Ragazzi di vita, romanzo radicato nella Roma delle bidonvilles, ha aiutato appunto Bassani a rompere gli ultimi indugi e ad aprire la sua ispirazione a nuove prospettive.

9Pasolini ha avuto un ruolo fondamentale anche su un altro piano: sull’ordine cioè da conferire alle Storie ferraresi (e su questo punto furono molto intense le discussioni tra lui e mio padre, ma anche con l’Einaudi e prima di tutto con Calvino), che sequenza insomma dare ai racconti: se oggi la sequenza dei racconti è cronologica (secondo la data d’elaborazione), questo si deve in gran parte proprio a Pasolini.

Come si potrebbe definire l’approccio letterario di suo padre, insieme ispirato all’Ottocento e a una realtà storica contemporanea bruciante?

10Lei giustamente parla dell’Ottocento. Certo, Tolstoj, Manzoni, Balzac, Flaubert, sono riferimenti letterari capitali e il grande romanzo naturalistico dell’Ottocento è certamente quello da cui mio padre è partito. Eppure lui è un finto naturalista, è un finto scrittore e pittore dell’Ottocento, perché dietro le sue storie, c’è una realtà moderna, la Ferrara ambigua, piena di compromissioni e di omissioni, c’è l’Italia che esce dalla seconda guerra mondiale con tutto quello che ciò ha comportato: il suo sforzo di ricostruzione, certo, ma anche la sua incapacità a rimettersi in discussione, il suo rifiuto di operare un vero mea culpa. L’ambiguità e l’ipocrisia della società ferrarese rispecchiano l’ambiguità e l’ipocrisia dell’Italia tutta intera, uscita dalla seconda guerra mondiale e dalle leggi razziali. Mio padre scriveva delle cose attualissime e forse esse lo sono ancora adesso. Mio padre canta la fine degli ideali di giustizia e libertà per i quali aveva tanto sperato e lottato, anche a rischio della propria vita: non dimentichiamoci che in Italia a partire dall’immediato dopoguerra si scioglie il Partito d’Azione e si impianta la Democrazia Cristiana, con tutti i compromessi, con tutti i patteggiamenti anche rispetto alla mafia che ben conosciamo… La sua letteratura è quindi anche il canto di chi è profondamente deluso dalla realtà politico-sociale che lo circonda. Mio padre fa i conti con il paese in cui si trova a scrivere e a vivere, con l’Italia a lui contemporanea e la sua ispirazione è profondamente intrisa di tale contemporaneità. Anche il Gattopardo, spiegava, era un romanzo attualissimo, perché esso cantava, attraverso la delusione degli ideali del Risorgimento, la delusione dell’Italia della Resistenza. Questa era la sua chiave di lettura del romanzo di Lampedusa. Diceva addirittura che Giuseppe Tomasi di Lampedusa non poteva aver scritto il suo romanzo senza aver prima letto le Storie ferraresi.

Suo padre era soddisfatto dalla propria opera? Come costruiva i suoi racconti? Qual era il suo approccio creativo?

11Penso che fosse perfettamente cosciente del valore della sua opera e questo doveva certo essere per lui fonte di intima soddisfazione: prova ne è quell’operazione di riscrittura (e dunque di piena assunzione) a cui a un certo punto sottopone l’intera sua produzione narrativa e che raccoglie sotto il titolo Il romanzo di Ferrara. Ciò non toglie che durante il travaglio creativo vivesse momenti anche di profondo sconforto.

12Mio padre non conduceva una sola vita, ma tante vite insieme: era insegnante, scrittore, redattore, giornalista, intellettuale impegnato, nonché uomo sportivo… E poi era marito e padre… La sua attività era ricchissima e si svolgeva simultaneamente su tanti fronti. Certo è che la scrittura costituiva la sua attività di predilezione, quella che più lo appagava, quella per la quale si sentiva predestinato ed era disposto a fare qualunque sacrificio. Ma che tortura, al tempo stesso, era per lui lo scrivere! Scriveva, riscriveva, batteva a macchina e poi interveniva di nuovo a mano sulla pagina… Il continuo, quasi ossessivo travaglio formale era un tutt’uno in lui con lo scavo d’ordine spirituale… Mio padre metteva tutto di sé e della sua vita nella scrittura. Diceva del resto che se non avesse scritto sarebbe diventato pazzo. Nei suoi libri mio padre inquadra storicamente ogni personaggio, ecc., ma al tempo stesso ogni personaggio non è che la proiezione poetica di lui che scrive, non è che il risultato di una intima confessione. Due tendenze molto diverse, queste, due tendenze opposte, ma che dovevano compenetrarsi per giungere a un risultato narrativo soddisfacente.

Bassani sottolinea, sempre nell’intervista appena vista, che la critica a volte non considerava tutto il suo lavoro. È vero che non si sono sempre considerate le sue altre attività, come il suo impegno per “Italia Nostra” o per il cinema. Questa parte di lui può aiutarci a spiegare e ad analizzare meglio la sua scrittura?

13Ogni opera va contestualizzata e va vista nel percorso intellettuale e artistico dell’autore, ma allo stesso tempo va considerata per quello che è. Non si può ragionare su un’opera solo mettendola in prospettiva e considerandola come parte di un tutto. La prospettiva generale non è insomma l’unico approccio per intendere davvero un’opera. Bisogna anche calarsi in essa, bisogna anche sforzarsi di considerarla per quello che è, nella sua singolarità. L’invito che fa mio padre in questa intervista a considerare un’opera in un ampio contesto, quello cioè di un intero processo artistico, è certo giustissimo, ma gli si potrebbe ribattere che ogni opera vale prima di tutto per quello che è, nella sua singolarità, come abbiamo appena detto. In realtà, in quell’intervista, lui cercava di reagire ai neopositivisti, ai professori del gruppo ᾽63, ai sapienti e noiosissimi avanguardisti, che a furia di smembrare, anzi di vivisezionare l’opera d’arte, ne perdevano il significato centrale, la vera portata, la carica poetica.

14Vorrei ricordare a questo proposito un aneddoto: nel 1966 Giorgio Bassani è presidente della giuria del festival cinematografico di Venezia. E quell’anno erano in gara il film di Gillo Pontecorvo, La battaglia di Algeri e quello di Robert Bresson, Au hasard Baltazar. Nella giuria, Michel Butor e altri francesi (sostenuti da Sartre, presente anche lui a Venezia) appoggiavano il film di Pontecorvo, mentre mio padre era tutto dalla parte di quello di Bresson, secondo lui molto più poetico (il film di Pontecorvo – diceva – era un film certo interessante, ma troppo didascalico, dimostrativo) e fece di tutto perché il film di Bresson vincesse. Alla fine mio padre, seppur molto a malincuore, dovette piegarsi alla volontà della maggioranza dei giurati e incoronò Pontecorvo. La sua visione critica, tuttavia, rimaneva intatta: sempre e solo solidale nei confronti della poesia e mai sottomesso a una visione puramente politica o a una esigenza dettata dalla moda.

Quali erano appunto i suoi rapporti con la critica?

15Mio padre prestava la massima attenzione alla critica in generale e naturalmente anche a quella che si occupava dei suoi libri. Era certo molto contento quando i suoi libri piacevano, ma rispettava anche le critiche negative. Però mi ricordo che in un’intervista gli chiesero: “Ma Bassani cosa pensa lei delle critiche che le stanno muovendo” (e a quel momento i due bersagli del gruppo ᾽63 – rappresentato da Umberto Eco, Nanni Balestrini, Luciano Anceschi, erano proprio lui e Carlo Cassola, ambedue trattati da “Liala della letteratura italiana”…). E mio padre rispose con olimpico distacco: “Per ora queste persone non esistono; scrivano qualcosa che abbia un peso, un significato, un valore letterario, e poi discuterò con loro”.

16Metteva tra sé e i componenti del gruppo ᾽63 una distanza stellare, e non ha sofferto delle loro critiche. Invece ha sofferto molto quando Natalia Ginzburg ha scritto un articolo violento contro le sue ultime poesie. L’articolo era intitolato “Bassani o la soddisfazione”. Abbiamo ritrovato la lettera di Natalia che gli annuncia la pubblicazione di questo articolo: è stata appena digitalizzata. Natalia scrive: “Caro Giorgio, ti avverto che sta per uscire un mio articolo sulle tue poesie. Non ti arrabbiare, è dettato solo dall’amicizia profonda che io ho per te”. L’articolo sosteneva che Bassani, nella sua ultima produzione poetica, non faceva altro che compiacersi, che rispecchiarsi da narciso, che insomma le sue poesie mancavano di vera ispirazione. Credo che mio padre in questo caso abbia sofferto non tanto del giudizio in sé, quanto del fatto che fosse proprio Natalia Ginzburg, sua vecchia amica, a pronunciarlo. Una vera amica, avrebbe potuto certo esprimergli queste sue considerazioni, ma non certo pubblicarle, non esporle, almeno in quei termini così spietati e ai quattro venti…

17Mio padre, d’altra parte, era capace di esercitare il suo senso critico anche nei propri confronti. In alcune interviste o saggi (penso a “Laggiù in fondo al corridoio”) parla del suo percorso, dell’evoluzione della sua arte con sguardo davvero critico, sapendo insomma distanziare oggettivamente il suo lavoro di scrittore. Sono rari gli artisti dotati di una tale capacità, di una tale lucidità, che riescono insomma a spiegare la propria opera in termini così obiettivi. Lui questa capacità l’aveva in pieno.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Armelle Girinon, « Paola Bassani », Cahiers d’études romanes, 33 | 2016, 237-241.

Référence électronique

Armelle Girinon, « Paola Bassani », Cahiers d’études romanes [En ligne], 33 | 2016, mis en ligne le 10 mai 2017, consulté le 21 septembre 2017. URL : http://etudesromanes.revues.org/5295 ; DOI : 10.4000/etudesromanes.5295

Haut de page

Auteur

Armelle Girinon

Aix Marseille Université, CAER (Centre Aixois d’Études Romanes), EA 854, 13090, Aix-en-Provence, France.

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Cahiers d'études romanes est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Revues.org